Trasferimenti Altre Notizie

La Juve all'assalto di Higuain il "Pipita" vuole l'accordo

Friday July 15 2016

Core ‘ngrato atto secondo, come ai tempi di Josè Altafini. Adesso alla Juve potrebbe trasferirsi Gonzalo Higuain, anche se la maxi offerta che stanno preparando a Torino non è ancora arrivata al Napoli. “È una bufala, non lo cederemmo mai a una nostra diretta concorrente. Costruiremo una grande squadra per la Champions…”, si è affrettato a smentire il vice presidente Edoardo De Laurentiis, provando a tranquillizzare i tifosi presenti in Val di Sole.

 

La posizione del club azzurro è chiara: non si tratta per la cessione dell’attaccante argentino, che andrà via dunque soltanto in cambio del pagamento “cash” della clausola rescissoria, fissata in 94 milioni e 736 mila euro. Nessuna contropartita tecnica, insomma: anche se sono molti i giocatori bianconeri che potrebbero fare al caso di Sarri. Per Pereyra c’è già in corso da giorni un dialogo parallelo tra le due società. Ma pure Sturaro e soprattutto il difensore Rugani, esploso proprio con la guida dell’allenatore toscano a Empoli, sono potenzialmente dei nomi graditi. Sempre che le parti abbiano la volontà di discuterne.

 

La Juventus è convinta di spuntarla, forte dell’accordo probabilmente già raggiunto con Higuain. Senza il “sì” dell’argentino, infatti, i bianconeri non avrebbero neppure provato a imbastire la complessa e costosissima operazione. Spiazzato il Napoli, che aveva a sua volta offerto all’argentino un robusto aumento dell’ingaggio (7 milioni a stagione) e conta ancora di convincerlo a rimanere. Al Pipita è stata anche già spedita la lettera di convocazione per il ritiro di Dimaro, dove è atteso entro il 20 luglio. A questo punto, però, non è affatto certo che il campione si presenterà regolarmente in Val di Sole, dove sono al lavoro da sette giorni Sarri e i suoi compagni. Tira aria di braccio di ferro, con i tifosi in fermento sui social network. C'è un altro core ‘ngrato, quasi mezzo secolo dopo Altafini. La storia (forse) si ripete.

Fonte: Repubblica

Leggi by 424 Persona